FRANCESCO NUGNES - Poeti Emozionali

Title
Vai ai contenuti
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.
Francesco Nugnes
Francesco Nugnes

Francesco Nugnes nasce a Milano il 25 dicembre 1982.
La sua famiglia si trasferisce a Torino, la città che ama, dove studia e inizia a lavorare in banca. Quando finisce la sua giornata piena di numeri inizia il suo tempo libero dedicato alle lettere: oltre la scrittura le sue passioni sono la pallacanestro e la musica rock dalle sue origini ad oggi.
Nel 2018 partecipa  ad un concorso di poesia di Aletti. Viene selezionato con i testi "La musica è il tuo rifugio" e "Chissà cosa diresti" rispettivamente nelle Antologie 'Cet Scuola Autori di Mogol' e 'Alessandro Quasimodo legge i Poeti italiani contemporanei'. Investe nella sua formazione e partecipa a due laboratori di scrittura poetica con i docenti Giuseppe Aletti, Francesco Gazzè e Mogol. La sua ambizione è scrivere testi di canzone e proprio il suo primo testo diventato melodia "Papà di cosa è fatta la luna?" dà il titolo alla sua prima raccolta di poesie.
Tempo, natura, amore, emozioni e istanti sono i temi che ricorrono principalmente nei suoi componimenti.
Da maggo 2019 presenta il suo libro con eventi di poesia e musica. Nel giugno del 2020 ha aderito alla corrente poetica dei Poeti Emozionali.
Stralci di poesia dell'autore
Solitudine è una ragazza
illuminata da un raggio di sole,
ammira il mare
e una roccia poco distante
(....)
Sei come una scarpa slacciata
alla periferia di Brooklyn,
corri sulla strada
e poi cadi
(....)

Pubblicazioni
Papà di cosa è fatta la luna
Papà di cosa è fatta la luna?

La silloge di Francesco Nugnes si apre con un quesito che un bambino pone a suo padre: “Di che cosa è fatta la luna?”
È una domanda piena di stupore, di profondo significato che induce a pensare, a fermarsi per capire il senso della nostra esistenza e a stabilire una relazione tra l’uomo e la scienza. Si può procedere con metodo sperimentale senza perdere di vista il fine ultimo di ogni aspetto dell’universo e del nostro percorso sulla terra.
L’autore ripercorre un cammino rischiarato dalla luce lunare o dalle case illuminate, immaginando chi le abiti, quali storie e vicende si nascondano dietro finestre sconosciute, nel silenzio di tante sere, magari di solitudine e nostalgia. A volte, invece, si incontrano amici, conoscenti, si scopre il fascino di una stazione e dei suoi binari, oppure s’intraprende un viaggio, e tornando si è più appesantiti, più lenti.
L’obiettivo della poetica di Nugnes è dare voce, spessore a ciò che la memoria registra ogni giorno con una musicalità che ci cattura, nel segreto dei nostri pensieri. L’utilizzo di rime baciate, alternate e di assonanze creano un ritmo, scandito dalla punteggiatura e dalle frequenti anafore.  

Anno 2018, Aletti editore.
Acquistabile su Amazon.

Copyright 2020 - le immagini e i testi di queste pagine sono sottoposte a diritto d'autore, è vietata la riproduzione (anche parziale) senza il permesso dell'autore. Sito internet realizzato da  Antonio Corona.
Torna ai contenuti